SHOOT | workshop di SCATTO con Valerio Bispuri

:::Presentazione:::

SHOOT, un’occasione unica. Tre giorni di full immersion con Valerio Bispuri, pluripremiato fotoreporter italiano. Un weekend a stretto contatto con la vita di Valerio, con il suo lavoro e con i luoghi in cui si svolge.

Il primo giorno di workshop sarà dedicato a una riflessione teorica sulla scelta della storia e su come affrontare il racconto che si vuole intraprendere, approfondendone l’aspetto emotivo, con l’idea che una grande fotografia non è mai casuale ma sempre frutto di un percorso interno, di una propria immagine interiore.

Il secondo giorno sarà caratterizzato dall’attività sul campo. Immerso in una location urbana il partecipante avrà la possibilità di costruire una storia fotografica con il sostegno di Valerio.

Il terzo giorno verranno infine analizzati i lavori dei partecipanti realizzati in questa occasione, per comprendere quali sono gli aspetti su cui lavorare e migliorare.

:::Programma:::

venerdì 29/01/2016 h. 18 – 21 @ Stopdown Studio

Introduzione del workshop. Cenni sulla costruzione della storia. Preparazione della giornata di scatto. Analisi di alcuni scatti dei partecipanti.

Sabato 30/01/2016 2015 h. 10 – 18 @ 2015° Fiera millenaria di Sant’orso

Giornata di full immersion di scatto. Come avvicinarsi alla storia. Come affrontare gli ostacoli temporali e logistici. Analisi della luce e della composizione dell’immagine. Postura e movimenti davanti alla scena.

Domenica 31/01/2016 h. 10 – 18 @ Stopdown Studio

Analisi critica e dettagliata dei lavori realizzati il giorno precedente.

:::Requisiti:::

Il workshop è indirizzato agli appassionati di fotografia di reportage e intende approfondire il concetto di progettazione, realizzazione ed editing.

:::Attrezzatura necessaria:::

Fotocamera reflex digitale
Batterie e schede di memoria di riserva
Valerio consiglia un’ottica fissa a scelta tra i 24 e i 35 mm e sconsiglia gli zoom.

:::Iscrizioni e informazioni:::

info@stopdown.it

scadenza iscrizioni: 11/01/2016

numero massimo di partecipanti: 10

:::Dove:::

Stopdown Studio – Loc.Capoluogo 9C – 11020 Pollein (AO), 2015° Fiera millenaria di Sant’orso, Aosta centro.

:::Valerio Bispuri:::

Bio

Valerio Bispuri, nato a Roma, classe 1971. Dopo la laurea in lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, decide di dedicarsi alla fotografia.

Fotoreporter professionista dal 2001, collabora con numerose riviste italiane e straniere.

Ha realizzato reportage in Africa, Asia e Medio Oriente, ma è in America Latina che Valerio vive e lavora da anni.

Per dieci anni si è occupato di “Encerrados”, un complesso progetto fotografico che mostra le condizioni di vita dei “rinchiusi” nelle carceri di tutti i paesi del continente latino-americano.

Questo reportage lo ha portato a visitare ben 74 istituti penitenziari, dalle carceri di massima sicurezza alle prigioni femminili, con l’obiettivo di raccontare la difficile realtà sociale di un intero continente. Il lavoro “Encerrados” ha viaggiato molto ed è stato esposto, tra gli altri, al Visa pour l’Image a Perpignan (2011), al Palazzo delle Esposizioni di Roma, all’Università di Ginevra, al Browse Festival di Berlino, al Bronx Documentary Center (BDC) di New York.

Nel 2015 Valerio ha terminato un altro ampio progetto fotografico di 8 anni per denunciare la diffusione e gli effetti di una nuova droga a basso costo denominata “Paco”, che sta uccidendo una generazione di giovani nei sobborghi delle metropoli sudamericane. Recentemente il reportage è stato esposto a Istanbul dalla Croce Verde Interazionale che ha realizzato un catalogo sulla personale “Paco”.

Questi lavori gli sono valsi numerosi premi a livello internazionale: il Poy America Latina 2011 (menzione speciale), il Sony World Photography Awards 2013 (1° posto, Contemporary Issues), il Days Japan International Photojournalism Awards 2013, e il Poy 2014 (2° posto, Feature Story Editing – Magazine).

Nel 2014 Valerio ha fotografato le Filippine devastate dal tifone Haiyan e gli sfollati che non trovano ancora pace, concentrandosi sulla zona di Tacloban, una delle più colpite dallo tsunami; in questi mesi ha seguito con il suo obiettivo le storie dei minori in fuga dalle sponde opposte del Mediterraneo che sbarcano da soli in Sicilia e trovano accoglienza nella «Scuola verde» di Augusta.

Nell’ultimo anno Valerio si è dedicato al suo primo libro, “Encerrados”, edito da Contrasto.

www.valeriobispuri.it | FB Valerio Bispuri – Photoreporter | FB Valerio Bispuri WS

Ogni anno, il 30 e 31 gennaio, artisti e artigiani valdostani espongono con orgoglio i frutti del proprio lavoro alla fiera di Sant’Orso, lungo le vie del centro di Aosta.
Nel Medio Evo la fiera si svolgeva nel Borgo di Aosta, in quell’area circostante la Collegiata che porta il nome di Sant’Orso. Racconti leggendari narrano che tutto ha avuto inizio proprio di fronte la chiesa dove il Santo, vissuto anteriormente al IX secolo, sarebbe stato solito distribuire ai poveri indumenti e “sabot”, tipiche calzature in legno ancora oggi presentate alla fiera.
Ora è tutto il centro cittadino a essere coinvolto nella manifestazione, all’interno e a fianco della cinta muraria romana.

:::Fiera di Sant’orso:::

La visita alla fiera di Sant’Orso è perciò un’esperienza straordinaria e indimenticabile, da vivere con intensa partecipazione emotiva. Infatti, non è tanto l’aspetto commerciale che spinge gli espositori a partecipare alla fiera, quanto il desiderio di uscire dal proprio laboratorio per cercare il contatto con un pubblico che sa apprezzare il lavoro di qualità e la creatività, frutto di tradizioni che hanno radici secolari. Allo stesso modo, chi visita la fiera non lo fa solo alla ricerca di un buon acquisto, magari utile nella pratica quotidiana, o di un oggetto di qualità per abbellire la casa, ma anche per “respirare” un’atmosfera unica.

La festa popolare culmina nella “Veillà”, la veglia nella notte fra il 30 e 31 gennaio, che vede le vie del centro cittadino illuminate e piene di gente fino all’alba.

http://www.lovevda.it/it/banca-dati/2/artigianato-fiere-mercatini/aosta/fiera-di-sant-orso/24090