• Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio
  • Samuel Giudice per StopDown Studio

Reportage realizzato nel Giugno 2011 presso l’isola di Cuba, uno degli ultimi baluardi del socialismo. Obiettivo del progetto testimoniare ed indagare le ripercussioni del passaggio di potere tra i fratelli Castro, leader politici indiscussi del regime. Il 25 Febbraio 2008 Fidel Castro ripone ufficialmente nelle mani del fratello Raùl il destino politico dell’isola: un nuovo inizio è atteso a Cuba.

Durante le mie interviste alla popolazione tutti mi confermarono che piccoli ma significativi cambiamenti stavano avvenendo; ciononostante nessuno poteva affermare in quale direzione tutto questo sarebbe andato. L’Osservatorio per i Diritti Umani afferma che “al popolo Cubano vengono sistematicamente negati i diritti fondamentali di libera espressione, associazione, assemblea, privacy, spostamento e dovuti processi di legge”.